Március 2024  << >>
 H  K  Sz  Cs  P  Sz  V 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Ez következik

Tartalomjegyzék

Gala di presentazione del Operafesztivál Bartók Plusz

Il Ministro della cultura ungherese, il Sindaco della città e il Sovrintendente del teatro cittadino. Così la città di Miskolc ha presentato alla stampa e al pubblico accorso da un po’ tutto il territorio ungherese il Bartók Plusz Opera Festival, un vero e proprio evento per questa cittadina di poco più di centomila abitanti posta nel nord-est dell’Ungheria, a pochi chilometri dalla Slovacchia.

Un Festival, il Bartók Plusz, che oltre a proporre ogni anno una rappresentazione diversa del Castello di Barbablù, unica opera composta da Bèla Bartók, offre un impressionante calendario di manifestazioni, musicali, teatrali, corali, oltre ad alcuni interessanti convegni musicologici.

Inizio il 10 giugno, con il Concerto di Gala in cui la sorpresa non è tanto negli interpreti che comunque appassionano e convincono come il soprano ungherese Szonia Joncseva, già affermata interprete della pucciniana Mimì al Metropolitan di New York, ma una straordinaria ragazzina dodicenne, che presentatasi al proscenio due o tre volte con la sua arpa, ha definito uno dei personaggi più incantevoli che si possano immaginare. A far innamorare ogni persona presente dell’arpista Bianka Szauer non è stata né la sua tenera età, né il suo virtuosismo, né il suo carattere apparentemente docile e schivo. A incantare, quella sera, è stata la musicalità diretta, immediata, istintiva che il suono dello strumento è riuscito a diffondere in ogni angolo del teatro. Sono stati il senso del ritmo della giovane musicista e la sua estrema sensibilità musicale, il tocco e le dinamiche scelte, ad ammaliare e a rendere i brani proposti, dalla Passacaglia di Händel, ad Hasselmans, al Concerto di Vivaldi in Do maggiore, preziosi e unici. Bianka e la sua arpa hanno lasciato un segno indelebile sulla serata rendendola, sinceramente, indimenticabile.

2016 quindi, dal 10 al 19 giugno. Più di cinquanta eventi complessivi e, per una volta, il titolo Festival d’Opera è onorato. Perché sono sei le opere rappresentate in otto giorni. Numeri da brivido di piacere per gli “italian opera lover” in cerca di mete per le vacanze estive.

L’11 giugno è il giorno della Maratona Bartok con il Castello di Barbablu (vedi recensione);
il 12 L’affare Makropoulos di Leoš Janaček (leggi la recensione);
il 13 Il Gala per 9 tenori;
il 14 L’Edipo di George Enescu;
il 16 Creative Connection di Tamás Beischer-Mayó, nuova opera in prima mondiale:;
il 17 Carmen di George Bizet;
il 18 Arianna a Nasso di Richard Strauss.
Ci vediamo a Miskolc il prossimo anno?

Evento del 10 Giugno 2016

David Toschi

Eredet cikk » 


emmi logo 80px miskolc cimer fel 80px nka csak logo rgb 80px    

Copyright © 2016 Miskolci Operafesztivál Nonprofit Kft. Minden jog fenntartva!  |   Impresszum »  |  Közérdekű információk »Adatkezelési tájékoztató »

↑ Top

facebook